Autorecupero Edilizio

L’AUTO-RECUPERO EDILIZIO

Per autorecupero si intende un processo edilizio che prevede l’affidamento dei lavori di ristrutturazione di un immobile agli stessi assegnatari che prestano la loro opera in cantiere mettendo a disposizione un monte ore lavorativo [Esperienze di cittadinanza comune: l’autorecupero di Alessandra Ruggero]. Consiste quindi nel recupero di edifici abbandonati tramite la manutenzione, il restauro e la promozione di cantieri sociali aperti, l’utilizzo di tecniche eco-sostenibili e la creazione di corsi di formazione e workshop relativi all’ambito edile. Strumento e obiettivo essenziale del lavoro di auto-recupero è la partecipazione attiva, che coinvolga i singoli interessati ed in primis i futuri abitanti dell’edificio, sostenendoli e accompagnandoli nel percorso di ricostruzione.

L’auto-recupero edilizio diventa uno spazio-cantiere il cui obiettivo è promuovere l’interazione, la partecipazione e la collaborazione dei cittadini fra di loro e con il proprio territorio, stimolando il lavoro di rete, lo scambio di conoscenze e la valorizzazione del territorio e delle sue risorse. Il cantiere diventa, in questo modo, un punto di riferimento come spazio di aggregazione sociale, partecipazione e promozione culturale aperta a qualsiasi tipo di iniziativa.

(altro…)

CONTINUA IL PROGETTO SULL’AUTO-RECUPERO EDILIZIO!

Nel 2012 la Regione Toscana ha messo a disposizione dei fondi per l’auto-recupero a scopo abitativo di 7 edifici di proprietà pubblica sul suo territorio. Per ognuno di questi edifici si sono formate delle associazioni che hanno partecipato al bando presentando dei progetti di auto-recupero edilizio. Da pochi mesi è partito il primo cantiere, quello per il recupero dell’edificio delle Montalve, di proprietà dell’Università di Firenze, e all’inizio di dicembre inizieranno i lavori anche nell’edificio di via delle Torri.

(altro…)

Inizio di attività su workshop e formazione per cantiere di autorecupero edilizio

Ingegneria Senza Frontiere – Firenze sta iniziando un percorso per realizzare dei workshop e attività di formazione e autoformazione sul tema dell’autorecupero in edilizia aperte agli studenti e a tutti gli interessati.

Se siete interessati a lavorare al progetto o a partecipare ai workshop, potete contattare Valentina alla mail vale.pasqualetti@inventati.org

(altro…)

Progetto Balcani – Il consiglio comunale di Bihac annulla la decisione sulle centrali idroelettriche a Martin Brod

 Il consiglio comunale di Bihac ha votato, con 28 voti su 30, il ritiro dei progetti idroelettrici nella località di Martin Brod.La decisione è avvenuta in seguito alle proteste della popolazione, concretizzate con la proposta di referendum contro la eventuale costruzione delle centrali realizzata dall’associazione ABC. Anche associazioni internazionali si sono mosse contro la decisione, come il Centro per l’Ambiente di Banja Luka e la comunità turistica di Hrvatska Kostajnica in Croazia.

(altro…)

Diventare membri di ISF: Nuove attività del Progetto “Voda Tutto” Balcani

Continua il lavoro per portare avanti le attività del Progetto Balcani. Il prossimo passo del progetto sarà la realizzazione di un documentario multi-lingua sui problemi della zona, da costruire utilizzando anche studi scientifici effettuati ad-hoc sull’impatto di dighe e altre tipologie di impianti, e dell’ecosistema locale.

Il precedente reportage, Something in the Water, è attualmente in concorso per il Terra di Tutti Film Festival

(altro…)